Logo Ancritour
Agenzia partner di Logo Geo Travel Network

Cipro Nord: un itinerario inconsueto Tour di gruppo su richiesta

Partenze

Dal 27/3/19 al 31/12/19

Descrizione

Uno splendido itineario collaudato sul campo dalla nostra agenzia. Ideale per appassionati di storia, architettura e archeologia ma anche per chi ama la natura.

 

 

Cipro Nord: Un itinerario inconsueto

5 - 9 marzo 2019

 

 

Viaggio accompagnato dall'archeologo: Dott.ssa Micaela Agri

 

  • Il territorio di Keryneja
  • Il Golfo di Famagosta e la costa nord orientale
  • La Penisola della  Karpasja
  • Nicosia la città due volte capitale

 

Nicosia, città antica con il nome di Ledra, poi capitale storica di Cipro  dai tempi della dinastia franca dei Lusignano è divisa  in due settori fin dagli anni 1963 – 64 quando fu creata la tristemente nota linea verde che separa i due stati ciprioti. La parte meridionale della città è la capitale della Repubblica di Cipro; quella settentrionale è la capitale della Repubblica turca di Cipro Nord.

 

Il territorio che circonda la cittadina di Keryneia si presenta fittamente coltivato nelle sue pendici più basse e verso l'alto diviene selvaggio e disabitato; così fu scelto in passato come luogo ideale per la costruzione di vertiginose fortezze militari arroccate, come il castello di S. Hilarion, famoso in tutta l'Europa medievale. L'ambiente costiero invece più favorevole fu popolato di villaggi e conserva il monumento medievale più noto e celebrato di Cipro: l'abbazia di Bellapais, metafora della storia e della civiltà della intera isola.

Al centro della regione è la cittadina di Keryneia (più conosciuta internazionalmente col nome di Kyrenia e chiamata dai turchi ciprioti Girne), probabilmente il più autentico porticciolo mediterraneo di Cipro sovrastato da una imponente fortezza veneziana.

 

L'ampio golfo di Famagosta, per secoli una delle zone più importanti di Cipro, prende il nome dalla medievale Famagosta, magnifica ed inquietante metropoli; ma le testimonianze del passato del territorio affondano in tempi molto più remoti. Lungo la costa nacquero la ricca e potente  città di Enkomi – Alasia, centro principale dell'isola dal XVI secolo a. C. e poi la splendida Salamis.

 

Verso NE il porticciolo di Bogaz annuncia un cambio di scenario e l'ingresso in una delle aree più selvagge e incontaminate di Cipro: la penisola della Karpasia, ricca di testimonianze storiche e scorci paesaggistici d'eccezione.

 

Itinerario:

 

1° giorno:  Roma   -  Nicosia / Ercan

Incontro dei partecipanti all'aeroporto di Roma Fiumicino alle ore 08.45 e partenza con volo di linea della Turkish airlines per Istanbul delle ore 11.15. Arrivo alle ore 15.45 in transito per il volo per Nicosia / Ercan delle ore 18.35. Arrivo previsto alle ore 19.10. Incontro con la guida locale e trasferimento con pullman privato a Kyrenia / Girne, cittadina cresciuta fin dal passato intorno alla fortezza bizantina e al porto, oggi uno dei centri turistici più sviluppati dell'isola. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

 

2° giorno: intera giornata nella regione di Kyrenia

Dopo la prima colazione in hotel visita della fortezza eretta dai bizantini che sfruttarono probabilmente fondazioni già romane. In epoca veneziana furono rinforzate le sue mura e dopo la consegna del forte alle armate ottomane nel 1570 fu usato come guarnigione e prigione. All'interno sono il museo preistorico con una sepoltura neolitica e una dell'Età del Bronzo e il museo del Relitto che espone una antica imbarcazione costruita in pino di Aleppo e rivestita di lamine di piombo, scoperta nel 1967.

Proseguimento per l'abbazia di Bellapais, considerata da molti il più interessante monumento gotico del Medio Oriente. Fu edificata alla fine del XII secolo sotto la dinastia dei Lusignano; i chiostri invece furono aggiunti nel XIV secolo. Dopo la conquista turca, passata alla chiesa ortodossa, decadde mentre attorno vi cresceva un piccolo centro abitato.

Pranzo in un ristorante tipico e nel pomeriggio trasferimento e visita del Castello di S. Hilarion, cosiddetto dal nome di un santo eremita proveniente dalla Terra Santa, costruito in epoca bizantina sulle rovine di un monastero. Grazie alla sua muraglia praticamente imprendibile fu probabilmente l'ultima roccaforte bizantina a cadere sotto i crociati; successivamente il castello fu ampliato e migliorato dai Lusignano. Un belvedere offre uno spettacolare panorama su Kyrenia e il mare Mediterraneo. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

 

 

3° giorno: intera giornata nella regione di Famagosta

Dopo la prima colazione in hotel trasferimento a Salamis, uno dei siti archeologici più interessanti di Cipro e del Mediterraneo orientale. Secondo la leggenda Salamis sarebbe stata fondata da Achei al ritorno da Troia. Nel VII secolo a. C. divenne il centro principale dell'isola. Conquistata dai Macedoni e poi dai Tolomei divenne scalo marittimo importante anche in età romana e in epoca cristiana vi nacque e morì  San Barnaba apostolo. Durante il dominio bizantino colpita da disastri naturali e da scorrerie arabe nel corso del VII secolo d. C. si spopolò e gli abitanti rimasti si trasferirono dove oggi sorge Famagosta. Il complesso archeologico conserva un ginnasio, edifici termali , un odeon  e un anfiteatro; due sono le basiliche paleocristiane: quella dedicata a Agios Epifanios e la basilica di Kambanopetra.

Proseguimento per le Tombe dei Re, una serie di sepolture ipogee fuori delle mura di Salamis. Più oltre è il monastero dell'apostolo Barnaba che conserva una chiesa seicentesca e nelle originarie celle dei monaci sono stati disposti materiali archeologici allestiti in un museo.

Proseguimento per l'antichissima città di Enkomi / Alasia, citata nei testi egiziani del XVI secolo a. C. come ricco porto fiorente per il commercio del rame. A causa di incendi e terremoti, dell'insabbiamento della costa e della nascita di Salamis, il luogo fu abbandonato nel X secolo a. C. Fra le rovine si conserva un interessante tempio del Dio cornuto, identificato dagli studiosi con Apollo.

Pranzo in ristorante a Famagosta e nel pomeriggio visita della città. Piccolo centro portuale bizantino vide il suo periodo d'oro dopo la conquista araba di S. Giovanni d'Acri nel 1291, ultimo caposaldo crociato in Terra Santa. Fulcro degli scambi fra Est ed Ovest Famagosta divenne la più ricca metropoli del Mediterraneo, ricchezza testimoniata anche dal numero delle chiese che i cronisti del tempo dichiaravano essere una per ogni giorno dell'anno. L'invasione ottomana del 1571 portò alla caduta della città che si ridusse a semplice guarnigione di soldati. La cittadella nota come Torre di Otello è una fortificazione di origine lusignana modificata dai veneziani. La cattedrale di S. Nicola voluta dai francesi e molto simile alle grandi chiese francesi del XIII secolo ma, dopo la conquista ottomana, fu trasformata in moschea e dedicata a Lala Mustafa Pasa. Al termine della visita rientro in hotel, cena e pernottamento.

 

 

4° giorno: intera giornata nella penisola della Karpasia

Dopo la prima colazione in hotel partenza per la penisola di Karpasia con la visita della chiesa bizantina della Panagia Pergaminiotissa eretta nel XII secolo. Nei suoi giardini è stata allestita una mostra dei principali monumenti  in miniatura di Cipro. Proseguimento per il magnifico castello di Kantara su uno sperone roccioso in una posizione estremamente panoramica. Fu costruito dai bizantini, modificato dai Lusignano e progressivamente abbandonato nel periodo veneziano. Probabilmente fu davanti a questa rocca che il bizantino Isacco Comneno si arrese a Riccardo Cuor di Leone. Breve sosta nell'ultimo paese importante della stretta lingua di terra che costituisce la Karpasia, Dipkarpaz e proseguimento per l'area protetta della penisola con la visita dei resti del monastero dell'apostolo Andrea, importante luogo di pellegrinaggio per i Cristiani ortodossi. Sosta nella spiaggia più famosa di Cipro Nord: l'enorme distesa di sabbia dorata detta Golden Beach ( spiaggia di Nagomi)

Pranzo in un ristorante tipico all'Oasis Beach e rientro in serata in hotel, cena e pernottamento.

 

 

5° giorno: Kyrenia  -  Nicosia  -  Roma

Dopo la prima colazione in hotel trasferimento a Nicosia e visita della parte turca della città. L'ambiente urbano è sostanzialmente uguale a quello della parte sud della città. La differenza tra i quartieri ai due lati della Linea Verde sta nel fatto che le vie e le piazze del Nord sono più affollate di negozi, bancarelle e piccoli bar con una atmosfera meno turistica.

La moschea, Selimiye Cami, era in origine la cattedrale di Santa Sofia, costruita agli inizi del XIII secolo su ordine del re Enrico I di Lusignano. L'edificio somiglia alle grandi cattedrali gotiche francesi. Dopo la conquista ottomana del 1570 la chiesa all'interno fu spogliata del pulpito e del coro ligneo e fu aggiunto uno spoglio mihrab volto vero la Mecca nella navata destra. Pranzo nella caratteristica struttura restaurata del Buyuk Han, un antico caravanserraglio costruito dagli ottomani dopo la conquista nel XVI secolo. Trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo della Turkish airlines non diretto delle ore 14.50 con arrivo ad Istanbul alle ore 17.30 e proseguimento per Roma alle ore 20.30. Arrivo all'aeroporto di Roma Fiumicino alle ore 21.20.

 

 

Hotel Previsto: Dome Hotel di Kyrenia ****                                                                                                  

                                                                                          

 

La quota comprende:

  • voli di linea non diretti in classe turistica con bagaglio in stiva fino a kg 20
  • tasse aeroportuali € 205,00 (soggette a variazione)
  • sistemazione in hotel centrale 4 stelle
  • pensione completa
  • pullman privato per tutto il tour
  • ingressi ai siti e monumenti come da programma
  • accompagnamento di guida turistica locale
  • accompagnamento della dottoressa Micaela Agri
  • assicurazione medico – bagaglio

 

La quota non comprende:

  • bevande ai pasti
  • mance per guida e autista
  • extra personali

Galleria immagini

Torna all’elenco delle offerte